Skip to main content
Construction

Kelly Bros lascia il segno sulle Autostrade italiane

Giugno 21 2021 No Comments

Oltre 7500 tonnellate di vernici termoplastiche arriveranno dall’Irlanda nei prossimi tre anni in 20 depositi sparsi per l’Italia per rinnovare la segnaletica di Autostrade per l’Italia S.p.A. L’importante commessa è stata assegnata all’irlandese Kelly Bros International.

Fondata negli anni 50, l’impresa familiare, conta 70 addetti nelle due sedi, in Irlanda e nel Regno Unito, ed esporta in 15 Paesi in Europa, Africa e Nord America.

Come spiega Damien Kelly, rappresentante della seconda generazione con il fratello Raymond alla guida dell’azienda: “Abbiamo quasi 70 anni di esperienza nella produzione e nell’applicazione di prodotti per segnaletica stradale e antiscivolo di qualità garantita che sono innovativi, sostenibili e, soprattutto, sicuri. Il nostro portafoglio prodotti per la segnaletica stradale comprende materiali termoplastici, plastica a freddo e vernici a base d’acqua. I nostri prodotti sono stati certificati da BSI, BASt, AETEC e dalla maggior parte delle autorità stradali in tutta Europa, tra cui le amministrazioni stradali scandinave, polacche e della Repubblica ceca. Essere sia produttori che appaltatori ci offre una supervisione end-to-end, consentendoci di migliorare continuamente le prestazioni dei materiali e superare le aspettative”.

La sicurezza stradale dal deserto all’Artico

La segnaletica orizzontale deve poter affrontare le condizioni climatiche di ogni regione. Ad esempio, in Scandinavia i materiali per segnaletica stradale devono resistere alle dure abrasioni causate da spazzaneve. All’opposto, nei climi torridi, le alte temperature provocano la fusione del bitume che tende a depositarsi sulla segnaletica orizzontale bianca provocandone l’annerimento. In quelle regioni, i materiali per la segnaletica stradale devono essere in grado di respingere e mantenere il più possibile il candore della linea. La sicurezza sulle strade dipende anche dalla qualità della segnaletica.

Kelly Bros in Italia dal 2006

Kelly Bros opera nel mercato italiano dal 2006 rivolgendosi principalmente ai settori della manutenzione autostradale e delle costruzioni. “Il prodotto chiave che forniamo in Italia è il Briteline Spray, il cosiddetto supersottile, che consente di applicare sull’asfalto meno prodotto superando le specifiche richieste – spiega Damien Kelly, direttore Commerciale e tecnico. – Operiamo con un centro di distribuzione a Milano e stiamo cercando di aprirne un altro in Italia Meridionale. In Italia lavoriamo a stretto contatto con i partner come Team Segnal, Prealux e SI.SE. Il nostro cliente di punta è Autostrade per l’Italia (ASPI). Lavoriamo con loro dal 2016 e abbiamo appena vinto il nostro terzo contratto consecutivo fino al 2024.”

Il segreto del successo? Qualità innovativa e prezzo competitivo. “Kelly Bros ha il vantaggio di essere in questo settore da così tanto tempo da aver sviluppato una rete affidabile di fornitori di altissima qualità a prezzi vantaggiosi, specie quando si tratta di forniture così ingenti come nel caso di ASPI. Ma è il nostro impegno continuo in ricerca e sviluppo di soluzioni innovative che ci distingue”.

Innovazione e sostenibilità

Il tempo e la velocità di applicazione sono fondamentali nel settore della segnaletica stradale. “Insieme ad ASPI abbiamo continuamente migliorato il nostro materiale – spiega Raymond Kelly, Operations Director. – Come il nostro prodotto unico per materiale ad alto flusso che migliora i tempi di riscaldamento e riempimento, che sono meno di un minuto. Manteniamo valori molto elevati a breve e lungo termine per la retroriflettività, che è una combinazione di alta qualità in perle di vetro e biossido di titanio. Inoltre abbiamo sviluppato una nuova tecnologia di utilizzo del legante organico, una resina naturale derivata dagli alberi che ha un minore impatto ambientale rispetto alle versioni acriliche.”

Un impegno green che Kelly Bros porta avanti anche con progetti di riforestazione e l’installazione di turbine eoliche presso lo stabilimento in modo da migliorare l’impronta di carbonio.

Related Articles