Skip to main content
TINES, Cofounder T. Kinsella Cybersecurity

Agli investitori piace la cyber security no-code di Tines

Giugno 28 2022 No Comments

Tines è la piattaforma no-code che automaticamente individua e neutralizza i cyber attacchi. Fondata nel 2018 da Eoin Hinchy e Thomas Kinsella, la startup ha raccolto ad oggi 41 milioni di dollari da VC tra cui figurano Accel e Blossom Capital.

La sua storia è un esempio del dinamico ecosistema dell’innovazione irlandese. La nuova soluzione di sicurezza informatica di Tines non era ancora del tutto pronta che aveva già attirato l’attenzione di due colossi americani da miliardi di dollari, i distributori farmaceutici McKesson e la società di content management Box.

La piattaforma di automazione no-code infatti consente agli utenti di collegare facilmente i loro strumenti e automatizzare complessi flussi di lavoro, senza bisogno di competenze tecniche. In questo modo ingegneri e analisti del software possono concentrarsi maggiormente su attività critiche, come cyber minacce e attacchi.

Il supporto di Enterprise Ireland

Quando abbiamo siglato i primi accordi, eravamo solo in due. Era molto insolito per organizzazioni di tale dimensioni affidarsi a una azienda così piccola. Ma la nostra soluzione era già in grado di offrire molte potenti funzionalità che avrebbero fatto la differenza”, dice Thomas Kinsella.

Con il supporto di Enterprise Ireland sono arrivati altri clienti e investitori. L’ultimo round Serie B di 26 milioni di dollari è stato chiuso nell’Aprile 2021 portando il valore dell’azienda a 300 milioni. “Enterprise Ireland ha una vasta rete e molta esperienza con le startup che puntano al Nord America e all’Europa – ricorda Kinsella.

Tines ha recentemente aperto una sede anche a Boston. Alcune delle più grandi organizzazioni del mondo ora sono loro clienti: GitHub, Coinbase, Canva, Databricks, OpenTable.

Prima di fondare Tines, per una decina di anni, Thomas ed Eoin avevano lavorato insieme come senior security operators in eBay, DocuSign e PayPal. “Conoscevamo molto bene le sfide che analisti e ingegneri stavano affrontando – ricorda Thomas. – Rispondere agli alerts richiede tempo ed è difficile avere personale con le giuste competenze. Il nostro obiettivo era creare una piattaforma di sicurezza in cui gli utenti non dovessero programmare e potessero automatizzare i propri compiti. Abbiamo esaminato 500 diversi tipi di flussi di lavoro. Questo ci ha dato una buona idea di cosa può o non può essere automatizzato. La piattaforma è stata testata attentamente con colleghi e potenziali clienti”.

Irlanda fucina di talenti

Con Tines si riducono al minimo le attività ripetitive relative alla sicurezza, come rispondere agli alerts, e gli utenti non devono programmare, ma possono gestire i flussi con un clic.

Dopo l’accordo con McKesson e Box, Tines era composta da cinque persone, ora ne impiega 100. Il mix di talenti internazionali che offre l’Irlanda è uno dei principali punti di forza della startup. “Abbiamo assunto molte persone che hanno ricoperto ruoli senior in organizzazioni internazionali come Google, Facebook, DocuSign e DropBox, tutti con sede in Irlanda. I talenti sono qui!”, dice Thomas.

Secondo Eurostat , anche nel 2021, Irlanda insieme al Lussemburgo vanta il maggior numero di laureati nella fascia di età compresa tra 25 e 34 anni. Con il 62%,di laureati, i due Paesi sono in testa alla classifica tra gli stati UE. L’Italia è al penultimo posto con il 28% contro una media europea del 41%.

L’alto livello di istruzione e un gran numero di corsi STEM è uno dei fattori chiave che fa dell’Irlanda uno dei Paesi più dinamici e innovativi del mondo.

Related Articles