News about Ireland Ultime notizie

Report OCSE sull’educazione: Irlanda #1 per laureati tra i giovani: 7 su 10

L’OCSE, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha pubblicato il Rapporto 2020 “Education at a glance” , la radiografia annuale dei sistemi scolastici dei 37 stati membri e di altri nove grandi Paesi, tra cui Cina, Brasile e Russia.

Secondo i dati, nel 2019 l’Irlanda è al 1° posto per numero di laureati tra la popolazione di età compresa tra 25 e 34 anni: il 70% ha concluso un percorso universitario contro una media OCSE del 45%. Stesso risultato per la Corea del Sud, mentre l’Italia è fanalino di coda: soltanto 28 laureati su 100, il peggior risultato d’Europa.

La laurea ripaga

I dati del Rapporto mostrano anche dove il mercato del lavoro premia maggiormente i laureati. Nei Paesi OCSE mediamente un lavoratore a tempo pieno con titolo di laurea di età compresa tra 25 e 64 anni percepisce uno stipendio che è il 54% più alto di quello di un diplomato di scuola superiore. L’Irlanda con il 57% si assesta nella media, mentre un laureato italiano guadagna soltanto il 37% in più di un diplomato.

L’alto livello di formazione irlandese è alla base del successo delle imprese e delle start-up innovative in diverse area, in particolare nel med-tech, lifescience e nelle tecnologie digital applicate ai diversi settori, dal finanziario all’aeronautica. L’Irlanda ha dato vita a un ecosistema tra i più innovativi del mondo, il più dinamico d’Europa. Per lo sviluppo irlandese è stato determinante il legame molto stretto creato tra istituzioni accademiche, centri di ricerca mirati all’industrializzazione dei progetti e le imprese.

Anche durante la pandemia, la capacità di reazione e la rapida finalizzazione ha permesso di mettere a punto soluzioni per combattere il coronavirus e rendere più sicura e agevole la vita per milioni di persone in tutto il mondo.

Secondo una recente ricerca dell’OCSE, l’Irlanda è il 5° Paese al mondo per l’export di beni collegati alla pandemia da Covid-19. I volumi di tali esportazioni si concentrano per il 49% in soli cinque Stati: Germania, Stati Uniti, Svizzera e Cina.

In 10 anni l’Irlanda ha il 20% di laureati in più

In generale, dal 2009 al 2019 si è registrato un aumento del numero di laureati in tutti i Paesi OCSE con una media del 9%. Ma la corsa non ha velocità omogenee: mentre in Italia è cresciuto di 8 punti percentuali, l’Irlanda ha accelerato aumentando la quota di laureati del 20%.

Purtroppo Italia e Irlanda non sono generose verso l’istruzione. I due Paesi, infatti, hanno in comune i più bassi livelli di finanziamento all’istruzione. Nel 2017, l’Irlanda ha destinato per ogni studente 10.489 dollari. Praticamente la stessa cifra dell’Italia (10.473 dollari) contro una media OCSE di 11.231 dollari a studente. L’Irlanda ha investito il 3,4% del suo PIL, l’Italia poco di più (3,9%), mentre la media OCSE è del 4,9%. Chi investe di più in proporzione alla ricchezza interna? Norvegia con il 6,6% del PIL. Ma l’Irlanda destina annualmente per ogni universitario 16.794 dollari, una cifra in linea con i 23 Paesi UE e di poco superiore alla media OCSE. L’Italia invece si ferma a 12.226 dollari.

Related Articles