Skip to main content
News about Ireland Ultime notizie

Record di €230 milioni alle startup irlandesi fondate da donne nel 2021: +120%

Nel 2021 le startup irlandesi high-tech fondate da donne hanno più che raddoppiato i finanziamenti passando a €230 milioni dai 105 raccolti nel 2020.

Un record, secondo il report di TechIreland, pubblicato l’8 marzo in occasione di International Women’s Day. TechIreland è un’organizzazione no profit indipendente di ricerca e analisi dell’ecosistema delle startup irlandesi high-tech.

La Female Founders & Funders 2022 Edition, sponsorizzata da Amazon Web Services , mostra che nel 2021, 55 startup e scale-up tecnologiche con una fondatrice o co-fondatrice hanno raccolto €230 milioni attraverso Venture Capital, Grants e Angel Investments.

Enterprise Ireland, 1° Venture Capital in seeds stage investment al mondo, da anni supporta concretamente la parità di genere nell’imprenditoria. Come sottolinea Sheelagh Daly di Enterprise Ireland: “Nel 2011 solo il 7% delle High Potential Startup sostenute da Enterprise Ireland aveva una donna tra i fondatori. Oggi il numero è più che triplicato grazie a consulenza e sostegno finanziario specificamente rivolti alle donne’’.

Nel 2018, TechIreland lanciò la prima campagna per portare a €100 milioni all’anno i finanziamenti per le giovani imprese al femminile. Sembrava un obiettivo estremamente ambizioso, ma nel 2020 era già stato superato.

 

Health-Tech: 1° settore con 117 milioni

TechIreland monitora oltre 470 imprese high-tech fondate da donne, il 16% delle startup e scale-up complessive dell’isola. Delle 311 aziende che hanno raccolto finanziamenti nel 2021, il 18% sono al femminile. Per la prima volta, otto imprese fondate da donne hanno ricevuto oltre 10 milioni di euro ciascuna. Nel 2020 erano solo due.

Niamh Parker, co-fondatrice di Altada Technology la startup di soluzioni di Intelligenza Artificiale supportata da Enterprise Ireland che ha raccolto a settembre 10 milioni di euro, ha dichiarato: “Siamo fortunate che il governo irlandese si concentri sulla crescita del settore delle startup tecnologiche autoctone e sostenga l’imprenditoria femminile”.

Nonostante l’enorme aumento dei finanziamenti, le imprese con una fondatrice donna raccolgono ancora meno delle altre aziende tecnologiche. Le fondatrici in media hanno raddoppiato l’investimento a 4,1 milioni di euro l’anno scorso, contro una media di 5,3 milioni.

L’HealthTech, in particolare Life Sciences, rimane il primo settore per le imprenditrici. Come sottolinea Jennifer McMahon di Seroba Life Sciences Venture Capital: Il cambiamento è in corso e si stanno facendo grandi passi avanti, come dimostrano i 117 milioni investiti l’anno scorso nel solo settore HealthTech. Tuttavia, numerosi studi indicano che le imprenditrici hanno più difficoltà ad accedere ai capitali”.

John O’Dea, CEO di TechIreland, sottolinea: “Questi sono ottimi risultati, ma non sono motivo di compiacimento: le imprese tecnologiche guidate da donne ottengono ancora solo il 13% dell’investimento nella tecnologia irlandese. Possiamo e dobbiamo fare meglio di così. Perché la diversità porta sempre prestazioni migliori all’impresa”.

Related Articles