Skip to main content
Ultime notizie

DESI 2022: l’Irlanda è tra i 5 Paesi UE più digitalizzati

L’Irlanda è tra i 5 Paesi europei con il maggior grado di digitalizzazione.

Lo rileva il Digital Economy and Society Index 2022 (DESI), il report della Commissione Europea sullo stato di digitalizzazione esistente nei 27 membri della UE.

Della cinquina fan parte Finlandia, Danimarca, Paesi Bassi e Svezia. L’Italia è al 18° posto, al di sotto della media europea.

La crescita media annua del punteggio DESI dell’Irlanda tra il 2017 e il 2022 è di circa l’8,5%, una delle più alte dell’UE.

Determinanti nel successo irlandese sono le diffuse competenze ICT tra la popolazione, la digitalizzazione sia nelle PMI sia nella pubblica amministrazione e l’ampia offerta da parte di innovative imprese specializzate che sviluppano soluzioni digitali poi esportate in tutto il mondo.

L’attenzione è altissima, tanto che il 32% del PNRR irlandese è dedicato ad accelerare ed espandere la trasformazione digitale dell’isola, contro il 25% annunciato dall’Italia.

Ecco la fotografia dell’Irlanda secondo i quattro macro-indicatori DESI.

Human Capital

L’Irlanda è il 3° Paese per quanto riguarda la quota di persone con competenze digitali di base: il 70% della popolazione, contro la media UE del 54%. Anche la quota di specialisti in ICT, comprese le donne, è superiore alla media dell’UE.

Sembra quindi facile da raggiungere entro il 2030 l’obiettivo dell’80 % di adulti in possesso almeno di competenze digitali di base. Per aumentare il numero di laureati con competenze digitali di alto livello del 65 %, l’Irlanda ha adottato una nuova strategia per le scuole e programmi di alfabetizzazione digitale per gli adulti.

Connettività

L’Irlanda è una delle nazioni migliori per l’adozione della banda larga mobile. La copertura 5G è aumentata in modo significativo, al di sopra della media dell’UE. L’isola ha fissato obiettivi ambiziosi per la connettività nella sua strategia digitale nazionale puntando a garantire che tutte le famiglie e le imprese siano coperte da una rete Gigabit entro il 2028 e che tutte le aree popolate siano coperte dal 5G entro il 2030.

Integrazione di tecnologie digitali

Le imprese irlandesi sfruttano ben al di sopra della media europea molte tecnologie digitali (ad esempio social media, big data e cloud), mentre sono in linea se non inferiori in altre, come la condivisione elettronica di informazioni e la fatturazione elettronica.

Il governo sta concretamente supportando le imprese nei loro sforzi di digitalizzazione. L’obiettivo è aumentare l’uso del cloud computing, dei big data e dell’intelligenza artificiale per garantire che il 75% delle imprese li utilizzi entro il 2030.

Ad esempio, Enterprise Ireland ha lanciato un nuovo voucher per aiutare le aziende a utilizzare gli strumenti digitali.

La National Digital Strategy ha sancito che almeno il 35% dei finanziamenti statali per le startup sia investito in imprese digitali innovative a partire dal 2022. Ed è forte l’ambizione di supportare la crescita di unicorni digitali, contribuendo all’obiettivo di raddoppiarne il numero in Europa.

Servizi pubblici online

I servizi pubblici forniti alle imprese e ai cittadini in Irlanda sono altamente digitalizzati. Nel 2021 la percentuale di utilizzatori di servizi e-government sono passati dal 67% al 92%. Non solo l’Irlanda ha fissato un obiettivo di fornitura online del 100% dei principali servizi pubblici, ma mira anche a garantire che il 90% di questi servizi sia effettivamente utilizzato online entro il 2030. I settori in cui si concentrano gli sforzi sono la riduzione dei gas serra attraverso un data center governativo condiviso, la cyber security rafforzando le capacità del National Cyber Security Center (NCSC), la sanità elettronica supportata anche dalla necessaria legislazione di sicurezza e trasparenza.

Related Articles

Dec 20, 2022

DESI 2022: l’Irlanda è tra i 5 Paesi UE più digitalizzati

Tech

Davra con ESA per il monitoraggio dei pazienti del Santa Lucia IRCCS di Roma